Con WhatsApp la comunicazione in famiglia diventa tecnologica

Nell’era digitale cambia il modo di comunicare tra genitori e figli. La tecnologia è regina anche in questo. E il social network preferito dalle famiglie è WhatsApp, dove è presente la maggior parte dei collegamenti familiari (l’82%). Su Facebook, invece, sono poco più della metà (51,4%). Lo dice il recente Rapporto del Centro internazionale studi sulla famiglia, che ha realizzato oltre tremila rilevazioni sulle relazioni familiari nell’era delle reti digitali.

L’ibridazione delle relazioni interpersonali secondo il Cisf

In questo scenario dove i social diventano un valido supporto per coltivare le relazioni familiari, soprattutto nei casi di lontananza di genitori e figli dal focolare domestico, il Cisf parla di famiglia ‘ibridata’ che non viene comunque vista con una accezione negativa.

Secondo il rapporto l’ibridazione delle “relazioni interpersonali con la rete sembra avere più effetti positivi che negativi a riguardo di quasi tutti gli indicatori della coesione familiare”. Sono le coppie giovani, ovviamente, a comunicare sempre più spesso con i loro figli attraverso Facebook o WhatsApp. Quelle più attempate con figli grandi sono, invece estranee a questa tipologia di comunicazione.

Il rapporto individua quattro tipologie di famiglia

Il rapporto individua quattro tipologie di famiglie caratterizzate da differenti gradi di ibridazione delle relazioni familiari. Ci sono i single o le coppie di giovani, molti conviventi non sposati, immersi nel mondo delle tecnologie digitali. Poi le “famiglie marginali e/o escluse”, cioè anziani soli o in coppia che usano poco o per nulla le nuove tecnologie (rappresentano rispettivamente il 34,2% del campione e il 28,6%). E ancora, le “famiglie mature moderatamente in rete” (13,4%), quelle composte da adulti di età matura, con figli grandi, presenti nel web in maniera moderata. Infine le “famiglie più giovani decisamente in rete” (23,8%).

#socialmediaitaly

 

Abbiamo pubblicato altri articoli che potrebbero essere di tuo interesse. Clicca qui

Categorie: Top news

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *